Blog

NEWS E ARTICOLI

spezie-1200x675.jpg

The quantic diet is a vegan-based nutrition that provides little whole grains cereals and legumes as a principal meal, fruit and red vegetables are less represented, only one vegetable for meal with oil-seeds and nuts to complete the nutritional needs.

This nutrition gives high energy in a small space, the food combination is oriented to increase the pH of whole body’s terrain with a little glycemic index, it maintains the noble biological proteins with a combination of beans sprout and seeds; this is the best nutrition for oncology patients and bowel inflammatory diseases.

More in the next articles


shutterstock_157746134-1200x800.jpg

Mi trovo spessissimo a dovere dare opinioni su integratori che vengono consigliati più spesso da conoscenti o personaggi interessati solo al loro business più che da colleghi del ramo medico o farmaceutico (che hanno ovviamente più a cuore il benessere della persona), questo accadimento mi turba molto perché molto spesso non possiamo sapere cosa accadrà nell’ organismo di chi assumerà l’ integratore in modo possiamo dire, ingenuo e fidandosi. Il problema dei sostituti in busta dei pasti o dei ‘fintipasti’ a base proteica è enorme sia per i risvolti salutistici che economici e mi sembra strano che nessun ente regolatore nell’ ambito sanitario abbia fatto un intervento deciso per impedire la diffusione che avviene quasi sommessamente in apposite riunioni o qualche volta in ambienti para-medici. Di certo non mi voglio scagliare contro alcuno ma diffido di chi propone una busta ad un paziente oncologico in chemio o ad un ottantenne diabetico insultino-dipendente….ci vuole un bel pelo sullo stomaco!!!!! Ma è solo una riflessione mia….Le raccomandazioni ci sono, eccole: 1. una dieta varia ed equilibrata fornisce tutte le sostanze nutritive di cui l’ organismo ha bisogno, pertanto in condizioni normali non vi è necessità di integrare; 2. un integratore non può compensare uno stile di vita scorretto (non mangio perché non ho tempo o non digerisco niente di quello che mangio); 3. evitare il ‘fai da te’: mai fidarsi di integratori che passano di mano in mano senza un minimo vaglio del proprio medico per le proprie caratteristiche; 4. prima di assumere integratori se si stanno assumendo farmaci, verificare eventuali interazioni; 5. non assumere integratori per periodi prolungati o più integratori insieme, leggere sempre le etichette informative, la provenienza, la certificazione e non assumere mai dosi superiori a quelle indicate, in caso di effetti collaterali, rivolgersi immediatamente al proprio medico. Il Fondo Europeo per la Ricerca sul Cancro sconsiglia vivamente l’ utilizzo di integrazioni qualora la persona sia in grado di alimentarsi ed anzi sollecita i medici ad aiutare il paziente o la persona in generale ad adattare la nutrizione alle particolari esigenze o problematiche del paziente o della persona stessa. Fate la Vostra scelta consapevole!!!!!! Liveloveat

 


shutterstock_73663168-1200x800.jpg

Il benessere dipende anche dalle abitudini quotidiane: mantenere uno stile di vita attivo e seguire un corretto e costante allenamento sono le scelte migliori per garantire salute al nostro corpo.

Il secondo pilastro del programma “Healthy” prevede il ‘walking’ ossia il camminare secondo le nostre possibilità di tempo e fisiche; l’ American Heart Association ha promulgato delle raccomandazioni per il mantenimento di un discreto allenamento del muscolo cardiaco (anche il cuore è un muscolo e va allenato!!!!) e pertanto, si consiglia di camminare almeno 150 minuti a settimana -che mi pare ragionevole anche come impiego di tempo!-.

L’ inattività nuoce gravemente alla salute, la sedentarietà è stata identificata come il quarto principale fattore di rischio di mortalità globale dopo l’ ipertensione arteriosa, il fumo da sigaretta e l’ aumento dei livelli ematici di glucosio, in secondo luogo rappresenta anche un fattore di rischio per l’ insorgenza di alcune malattie  come la cardiopatia coronarica, il diabete e i tumori di colon e mammella.

Particolare attenzione va posta alle abitudini dei bambini, in Italia si stima che la maggioranza dei bambini già dal’ età di 6 anni trascorra mediamente due ore al giorno di fronte alla tv e pratichi giochi passivi, ossia non impegnativi fisicamente.

La prevenzione deve iniziare sin all’ infanzia: i bambini che si mantengono attivi durante tutto il periodo della crescita, avranno da adulti, uno scheletro più robusto e da anziani, avranno meno rischio di fratture osteoporotiche. Inoltre è migliore il bilancio energetico e il controllo del peso corporeo.

L’ attività fisica è quindi, un valido alleato per mantenere un bilancio energetico positivo e per controllare il peso corporeo.

Oggi cosa intendo per attività fisica? secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità per attività fisica si intende ogni movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che comporti un dispendio energetico, incluse per esempio quelle attività effettuare nella quotidianità come lavorare, giocare, spostarsi, cimentarsi nelle varie attività ricreative; questo tipo di attività fisica è anche detta NON STRUTTURATA,  in quanto non è organizzata secondo schemi o programmi predefiniti e finalizzati al miglioramento della forma fisica.

Per stile di vita fisicamente attivo, invece, si intende un tipo di comportamento che nella realizzazione delle varie attività quotidiane dia la preferenza all’ uso dei propri muscoli piuttosto che a quello dell’ uso di macchine. Per esempio, camminare o andare in bicicletta anziché in auto, salire e scendere le scale piuttosto che servirsi dell’ ascensore o scale mobili e così via.

Essere in movimento durante la giornata è quindi importante perché è un primo modo, alla portata di tutti, per mantenersi attivi e in forma. Tuttavia ciò non è sufficiente per garantire il benessere, occorre qualcosa di più, ossia il vero e proprio esercizio fisico o allenamento fisico, detto strutturato perché è caratterizzato dalla’ essere pianificato, programmato, ripetitivo e finalizzato a migliorare uno o più aspetti della forma fisica.

Esistono tipologie differenti di attività fisica, che incidono diversamente sul metabolismo e sulla’ organismo in toto e che apportano benefici diversi. Per esempio, uno dei consigli cardine per il benessere cardiovascolare è quello di praticare attività fisica ‘aerobica’, cosa significa? Questa denominazione fa riferimento alla classificazione dell’ esercizio in base al tipo di impegno metabolico dei muscoli del corpo, secondo tale classificazione si distinguono attività aerobiche e anamorfiche, di potenza, miste alternate, miste massive, di destrezza. Senza addentrarmi troppo nelle definizioni tecniche le attività aerobiche sono quelle nelle quali la produzione di particolari scarti metabolici (acido lattico) nei muscoli non supera la capacità di smaltimento di tali sostanze. andare in bici, camminare a passo sostenuto, correre, nuotare, sciare, pattinare sono i più comuni tipi di attività aerobica, praticabili a qualsiasi età seppur con alcune differenze.

Nell’ attività anaerobica invece, l’ impegno muscolare tale che la produzione di scarti metabolici è superiore alla capacità di smaltimento, il che comporta un accumulo di tali sostanze con conseguente affaticabilità muscolare. E’ ciò che accade durante uno sprint, di corsa o bici o nella marcia specie in salita oppure negli esercizi con i pesi. Tali esercizi richiede e favorisce lo sviluppo della massa muscolare nei singoli distretti impegnati. Sono esercizi più impegnativi dal punto di vista cardiovascolare e per questi motivo vanno praticati in modo graduale e personalizzato. In molte attività poi (vedi il tennis, il calcio…) vi è una normale alternanza tra fasi aerobiche e anamorfiche, quindi un programma di allenamento per dirsi completo dovrebbe prevedere entrambi i tipi di impegno metabolico, con l’ attività aerobica finalizzata a migliorare le prestazioni cardiovascolari e respiratorie e quella anaerobica orientata allo sviluppi della potenza muscolare.

Bene! Spero di avere chiarito i punti affrontati durante l’ ultima diretta.

Ricordate di consumare un frullato di latte di avena/soia/madorle-avocado/banana/mango freschi-mandorle circa 20 minuti prima e 1 yogurt alla soia o magro o intero con frutta a basso indice glicemico (mela verde, pompelmo) e 30 gr di frutta secca o semi (ottimi quelli di girasole per il detox da acido lattico) e di idratavi pre-durante e post allenamento abbondantemente, evitate se potete insaccati, uova o formaggi nelle due ore pre e post per non sovraccaricare il fegato.

Buon walking a tutti e alla prossima settimana con il terzo pilastro sulla nutrizione naturale e istintiva “eat good”!!!!

@lasimodoc



Come è noto a tutti con il nuovo anno si fanno sempre promesse a se stessi: dimagrirò, mi muoverò, cambierò stile di vita, sarò più gentile, andrò a letto presto….
Quasi tutti hanno esperito la frustrazione di non riuscire a realizzare nemmeno uno dei propositi….
Facciamoci una domanda: chi ci dice che DOBBIAMO per forza, stare a dieta o andare in palestra o essere gentili con gli altri….le convenzioni…
Magro e in forma è bello, essere rudi allontana gli altri da noi facendo un deserto sociale….non ci leggiamo però mai dentro: cosa è meglio per me? Cosa mi sento di fare ora? Sono felice? Il mio lavoro e i miei amici mi piacciono? La mia figura mi soddisfa?
Non ce lo chiediamo mai con amore ma sempre con giudizio, non nostro -occhio!- ma un giudizio che deriva dalle convenzioni. Non essere quello sei, sii quello che gli altri ti chiedono di essere…è così cari amici del blog, noi ci uniformiamo.
Cambiare è difficile perché siamo animali mammiferi, se siamo diversi, il clan ci butta fuori, ci esclude….
Allora cosa dobbiamo fare?
Semplicemente ascoltare, ascoltarsi, sentire cosa ci dice il nostro corpo e il nostro cuore, talora la nostra mente ma anche il nostro istinto…..sono 4 nuclei presenti in tutti noi….corpo-mente-istinto-cuore, come le 4 dita della mano procedono su binari paralleli e non si incrociano mai a meno che il pollice oppositore li unisca…è l’ essere umani che rende così completi e in grado di fare scelte leggendo tutti questi nuclei…mettetevi in ascolto del vostro corpo, cosa sta dicendo? Forse che siete stanchi e avete bisogno di dormire oppure che avete bisogno di saltare o di danzare o semplicemente di fare quattro passi, respirare aria fresca e ossigenarvi….
Camminare è l’ esercizio più semplice che esiste, si può integrare con altri tipi di attività (attenzione che stanno arrivando sorprese !!!!!) e garantisce al nostro cuore il giusto allenamento …..già perché il miocardio è un muscolo e necessita di un allenamento per mantenersi sano e mantenerci in vita.
Ricordate che anche quando camminate siete in comunicazione con l’ assoluto, l’ universale amore che, anche se non ce ne rendiamo conto, ci pervade ogni giorno solo perché siamo vivi.
Liveloveat 100% amore per Voi
buona serata amici



Secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità e anche secondo me, la salute non è soltanto l’ assenza di malattia ma ‘uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale’, si tratta di una definizione molto impegnativa e forse anche utopistica e difficilmente mantenibile quindi instabile. Allora come possiamo fare per sentirci bene nel corpo e nella mente e come gestire bene le nostre emozioni e aspirazioni?
Non sono sufficienti degli esami di sangue, abbiamo bisogno di mettere ordine nella nostra vita, iniziando a fare qualcosa.
Nella mia di vita sto esperendo che se non si fa nulla, non si ottiene nulla e al più si perde ciò che si ha, compresa la salute: per esempio mangiando allo sbando è difficile mantenere buoni esami ematochimici o una forma fisica decente, spesso per esempio se non si legge o non allena il nostro cervello, si tende a dimenticare cose, insignificanti o grossolane facendo errori che possono anche costare molto, in altri casi per esempio chi non dorme a sufficienza può incorrere in una incidenza di malattie virali maggiori, malattie che possono impedire il lavoro o il contatto con gli altri.
Allora, dobbiamo iniziare a fare qualcosa: il mio programma nasce da anni di studio, lavoro sul campo ed esperienza personale: si basa su 5 punti
1. detox (disintossicati)
2. walking (camminando)
3. eat well (mangia bene)
4. meditate (medita)
5. sleep well (dormi bene)
Credo a ragion veduta, che eseguendo queste 5 semplici (sembra) azioni, si possa raggiungere e mantenere un discreto stato di benessere con conseguente miglioramento della performance mentale, lavorativa, energetica, fisica ed emozionale (sì, possiamo migliorare anche qui!!!)
Iniziamo dunque oggi:
1. detox:
-il lunedì, mercoledì e venerdì tisana di tarassaco, prendete tisana da agricoltura biologica, 10 min di infusione, 500 ml di acqua e 1 cucchiaio di miele di acacia anche questo biologico = detox sottocute e zone cellulitiche di ristagno di liquidi e drenaggio epatico
questi giorni li chiameremo a punta
-il martedi e giovedì che sono anche detto giorni off: tisana di ortica, stesso procedimento, produce una filtrazione più finalizzata alla escrezione renale e ha un’ azione anti-infiammatoria
Queste tisane vanno bevute durante la mattina preferibilmente.
Il menù dei giorni a punta lo sentirete nelle dirette Facebook, nei giorni off seguite la vostra normale nutrizione, sabato e domenica liberi.
Con questo programma in 4 settimane potrete perdere 3 chili almeno, per approfondimenti chiedi una consulenza online

a presto il secondo punto

 



L’ultimo appuntamento dell’anno 2017 ci ha permesso di assaporare un menù dedicato alle festività natalizie, un menù sfizioso ideato per rendere sana e nutriterapica la nostra cena pre-natalizia.

Ecco i video di presentazione:

APERITIVO (LINK)

PRIMO ANTIPASTO (LINK)

SECONDO ANTIPASTO (LINK)

PRIMO (LINK)

SECONDO (LINK)

DOLCE (LINK)


Simona Casadei

via xxv marzo, 4
47895 Domagnano - San Marino
cell: 335 5787883
mail: simo.casadei@gmail.com
COE: SM 19767